I Fumetti della Resistenza

Copertina
16 giovani illustratori
per 8 giovani partigiani

Prima pagina :: Libri :: Libri sulla Resistenza :: Sei petali di sbarre e cemento

copertinaVENERDI 16 OTTOBRE 2015 - ORE 21
CIRCOLO ACLI LAMBRATE VIA CONTE ROSSO, 5, MILANO
PRESENTAZIONE DEL LIBRO

Sei petali di sbarre e cemento.
Milano, carcere di San Vittore.
1943-1945
di Antonio Quatela

L'iniziativa é promossa dal Circolo ACLI Lambrate in collaborazione con la Fondazione Elio Quercioli

logo ACLI Lambrate


Presenta: Sergio Fogagnolo Presidente dell'Associazione "Le Radici della Pace - I Quindici" - figlio di Umberto Fogagnolo, martire di piazzale Loreto.

Sarà presente l'autore Antonio Quatelache illustrerà e leggerà i passi più salienti del libro.

 

Proiezione del documentario Milano occupata e liberata
durata: 23 minuti
Musica di Carlo Cialdo Capelli
Regia di Francesca Sanna


L'occupazione di San Vittore da parte dei tedeschi dopo l'8 set-tembre 1943 è uno degli episodi più cupi e dimenticati della sto-ria di Milano. Il carcere, infatti, è stato il primo campo di concen-tramento sorto in Italia, precedente anche a Fossoli, a Bolzano-Gries e alla Risiera di San Sabba: tra il '43 e il '45 vi furono de-portati a migliaia antifascisti ed ebrei prima di essere indirizzati verso gli orrori dei campi di sterminio. A dirigere le operazioni di polizia dall'Albergo Regina era il capi-tano della Gestapo Theodor Saevecke, coadiuvato per la cattura degli ebrei dal maresciallo delle SS Otto Koch e per i detenuti po-litici dal maggiore Ferdinando Bossi dell'UPI. Le violenze, le tor-ture e le ruberie che gli arrestati furono costretti a subire testimo-niano la crudeltà gratuita dei loro aguzzini. Ma questi atroci epi-sodi non cancellano i segni di profonda solidarietà umana che singole guardie carcerarie, medici e infermieri, suore e sacerdoti dimostrarono con la loro presenza ai prigionieri. In questo libro parlano i protagonisti che ebbero la sventura di sperimentare i bracci infernali del carcere milanese prima di finire nei lager te-deschi e di sopravvivere ad essi con tracce indelebili nel corpo e nello spirito.
Sei petali di sbarre e cemento. Milano, carcere di San Vittore. 1943-1945 di Antonio Quatela